Tariffe

La tariffa del servizio idrico è regolata a livello nazionale dall’Autorità per l’energia, il gas ed il sistema idrico (AEEGSI) ed, a livello locale, dagli Enti di Governo d’ambito (EGA).
La tariffa copre i costi operativi (costi sostenuti per gestione operativa degli impianti, quali i costi di energia per far funzionare le pompe di sollevamento, i costi del personale, ecc.) e i costi di investimento (costi relativi alla manutenzione delle reti e degli impianti, necessarie per mantenere la loro funzionalità nel tempo, nonché quelli per la realizzazione dei nuovi impianti laddove necessari).
Per consultare le tariffe applicate nel tuo Comune, naviga la mappa

Conguagli tariffari pregressi provincia Parma

 Delibera CAMB 50/2015
 Delibera CAMB 59/2014

La Delibera Atersir CAMB 50/2015 del 10 novembre 2015 ha approvato il conguaglio tariffario dell'ambito Parma derivante da partite pregresse relative al periodo 2005-2011, prevedendone altresì i destinatari nonché le modalità di recupero. 

In particolare si dispone che il recupero avvenga tramite l'addebito di un'aliquota tariffaria aggiuntiva per ciascun servizio fornito (acquedotto, fognatura, depurazione), applicata ai metri cubi fatturati di competenza del periodo 2016-2022. 

Per quanto riguarda l'applicazione dei conguagli, Atersir ha scelto di limitarla alle utenze che erano attive al 31/12/11, esentando invece le utenze attivate successivamente a tale data. 

Al fine di limitare l'impatto sulle tariffe applicate, infine, Atersir ha scelto di distribuire il conguaglio su un periodo molto lungo, pari a sette anni, dal 2016 al 2022. 
Il conguaglio tariffario sarà eseguito in linea con quanto previsto dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico (AEEGSI).

Vuoi saperne di più? Scarica le Domande e Risposte frequenti

Conguagli tariffari pregressi provincia Piacenza

 Delibera CAMB 59/2014
 Delibera CAMB 17/2015
 Delibera CAMB 21/2016

La Delibera Atersir CAMB 21/2016 del 7 aprile 2016 ha approvato le modalità di recupero del conguaglio tariffario dell'ambito Piacenza derivante da partite pregresse relative al periodo 2008-2011, prevedendone altresì i destinatari nonché le modalità di recupero. 

In particolare si dispone che il recupero avvenga tramite l'addebito di un'aliquota tariffaria aggiuntiva per ciascun servizio fornito (acquedotto, fognatura, depurazione), applicata ai metri cubi fatturati di competenza del periodo 2016-2017. 

Per quanto riguarda l'applicazione dei conguagli, Atersir ha scelto di limitarla alle utenze che erano attive al 31/12/11, esentando invece le utenze attivate successivamente a tale data. 
Al fine di limitare l'impatto sulle tariffe applicate, infine, Atersir ha scelto di distribuire il conguaglio su un periodo di due anni 2016 e 2017. 

Il conguaglio tariffario sarà eseguito in linea con quanto previsto dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico (AEEGSI).

Vuoi saperne di più? Scarica le Domande e Risposte frequenti

 

Partite pregresse ambito Genova

Delibera Città Metropolitana (EGA) Genova 13/2017 del 29 maggio 2017

La Delibera 13/2017 del 29 maggio 2017 della Città Metropolitana di Genova, Ente di Governo d’Ambito (EGA), ha approvato il conguaglio tariffario dell’ambito Genova derivante da partite pregresse relative al periodo 2007-2011, prevedendone la rateizzazione in 4 anni ed indicando l’entità del recupero per ciascun anno.

Alla luce del comunicato AEEGSI del 6 ottobre 2014 il recupero avviene tramite l'addebito di un'aliquota tariffaria aggiuntiva per ciascun servizio fornito (acquedotto, fognatura, depurazione), applicata ai metri cubi fatturati di competenza del periodo.

Sono tenute al pagamento del conguaglio tariffario le utenze che erano attive al 31/12/11 e che sono ancora attive al momento della fatturazione dell’aliquota di conguaglio.

Nel periodo 2017-2020 saranno applicate sui consumi di competenza del periodo, per ciascun servizio fornito (acquedotto, fognatura, depurazione), le seguenti aliquote aggiuntive:

  • 0,030129 €/m3 per l’anno 2017
  • 0,090388 €/m3 per l’anno 2018
  • 0,120518 €/ m3 per l’anno 2019
  • 0,023911 €/ m3 per l’anno 2020 (più adeguamento inflattivo (*) 

(*) nota: per l’anno 2020 l’aliquota riportata è indicativa in quanto sarà adeguata sulla base del tasso di inflazione registrato nel periodo

Vuoi saperne di più? Scarica le Domande e Risposte frequenti